Questo sito utilizza i COOKIE per garantirvi una migliore navigazione e maggiori funzionalità.    Maggiori informazioni

Sviluppo di comunità
Presentazione dati questionario "Vivere Castrolibero"
TAVOLA ROTONDA     Durante la tavola rotonda presenteremo i risultati dell’indagine “Vivere Castrolibero”, ricavati dalla somministrazione di un...
EMERGENZA TERREMOTO: IL CONTRIBUTO DI ASPIC - CLICCA

Domenica, 20 Agosto 2017 20:12

Counseling in ambito sanitario

Soprattutto negli ultimi tempi,  la sanità sta vivendo un periodo di forte criticità, evidenziando sempre più, l’inefficacia e l’insufficienza delle sue risposte ai bisogni degli utenti che, in molti casi, dopo essere passati sotto l’inquisizione di pazienti, parenti, media e magistratura, diventano casi di malasanità. Ciò perché probabilmente, in periodi di grandi ristrettezze economiche e direttive politiche, si è più attenti a rientrare nel budget di spesa richiesti dalle aziende piuttosto che operare per la finalità  primaria di ogni luogo di cura, ossia: il benessere della persona sofferente. Ed è proprio in un clima di così tanta “sofferenza ed insofferenza” che potrebbe risultare fondamentale la figura del counselor  come risorsa di aiuto per migliorare la qualità complessiva dell’ambiente sanitario  e per riavvicinare i cittadini alle strutture sanitarie.

Soprattutto per le professioni di aiuto risulta  requisito fondamentale, una buona comunicazione poiché è proprio dalla qualità della comunicazione tra utenti e professionisti, che dipende gran parte del successo degli interventi. Purtroppo la società post-industriale in cui viviamo, fondata prevalentemente  sulla circolazione continua delle  informazioni, ha ridotto al minimo i rapporti interpersonali e, le forme comunicative  impersonali, strategiche e solo informative  hanno preso il sopravvento su  quelle basate sul buon senso, sul rispetto e sull’umanità. All’interno del sistema sanitario è ormai all’ordine del giorno fare esperienza di una incomunicabilità profonda tra gli operatori  che in esso lavorano ed i cittadini.

Tale incomunicabilità  si esprime con il  malcontento di pazienti e familiari che spesso, provati oltre che dalla stessa malattia anche dalle lunghe attese, dal ricovero, dal susseguirsi di speranze e delusioni, denunciano le difficoltà  di reperire  informazioni e/o di ottenerle nei giusti tempi e soprattutto nella giusta maniera, dando vita a veri e propri casi mediatici che, oltre a danneggiare il rapporto di fiducia nei confronti degli operatori, finiscono sempre più spesso sulle pagine dei giornali come casi di “malasanità”. Nell’attuale contesto sanitario, non si sentono a proprio agio né gli operatori che ci lavorano , né tantomeno gli utenti che loro malgrado sono costretti ad usufruirne. E’ così che l’aspetto comunicativo risulta essere  la principale lacuna di cui soffre il mondo sanitario e rappresenta, nello stesso tempo, la principale risorsa del counselor. Una buona comunicazione diventa strumento necessario per l’instaurarsi di una relazione efficace, capace di rispondere in modo adeguato alle aspettative dell’utente che si rivolge ad una struttura sanitaria, quindi: buona accoglienza, gentilezza dei modi, corrispondenza empatica tra utenti e personale sanitario, cura, scambi comunicativi sereni ed efficaci con utenti e  parenti. 

Il counseling in ambito medico-sanitario può avere applicazioni a largo raggio: innanzi tutto per gli operatori che hanno un  contatto  diretto con l’utente (infermieri, oss, medici), poi per gli operatori front office, cioè quelli a contatto con l’utenza esterna (sportellisti, centralinisti..) ed infine per figure dirigenziali (coordinatori, capi servizi) chiamati ad affrontare e gestire eventuali problemi all’interno di reparti e servizi.

 

Rita Mastroscusa

 

 

LABORATORI ESPERIENZIALI
Atelier di creatività per adolescenti
Gli Atelier di creatività per adolescenti, si propongono di: Sperimentare l’utilizzo delle diverse modalità espressive; Facilitare la promozione del...
Diventare se stessi
Diventare se stessi Focus del laboratorio è: Favorire il passaggio da un atteggiamento passivo ad uno attivo, aumentando il contatto con cio che...
Emozioniamoci (per bambini)
I laboratori “Emozioniamoci” offrono un percorso di alfabetizzazione ed educazione emotiva, capace di attivare potenzialità e risorse idonee a...
Esercizi autobiografici
E io di che cosa vivo?  Proposta di scrittura di viaggio nella memoria autobiografica e mitobiografica, attraverso il dialogo tra Ricordo e Sogno...
Il corpo parla di Affetto-Intimità-Amore
Il corpo parla di affetto-intimità-amore Finalità, attraverso attività di gruppo, di coppia e individuali: esplorare stati emotivilegati al corpo; accrescere la...
La casa delle bambole
L'accoglienza, la convivialità, la voglia di confrontarsi e di compartecipare sono i tratti distintivi del nostro laboratorio. In un clima familiare e...
La scuola delle emozioni (per bambini)
Le emozioni svolgono un ruolo essenziale nella vita di ogni essere umano, ma possono divenire fonte di disagio o di conflitto se non comprese o...
Prendersi cura di sè
Prendersi cura di sè Le finalità del laboratorio sono: riconoscere ed apprezzare la propria diversità; migliorare la propria autostima; sviluppare la...
© 2015 ASPIC Counseling e Cultura - Sede Territoriale Cosenza.

Please publish modules in offcanvas position.